Caraka Saṃhitā Nidanasthana - Il libro delle cause

dr. Ernesto Iannaccone
ISBN: 9788892333352

La Charaka Saṃhitā è il trattato di medicina ayurvedica più antico e autorevole.

Questo libro è la traduzione dal sanscrito del Nidanasthana, la sezione della Charaka Saṃhitā che tratta dell'origine delle malattie.

Questa traduzione, corredata di numerose note, offre importante materiale di studio per quanti, medici e non medici, intendono approfondire la conoscenza dell'Āyurveda attingendo alle fonti originali

 

 

TROVALO IN RETE>>

 

  • Dr. Ernesto Iannaccone
    Dr. Ernesto Iannaccone

    Medico Specialista in igiene e medicina preventiva, si occupa di Āyurveda dal 1985.
    Si è formato con lunghi periodi di soggiorno e di studio in India presso svariate istituzioni ospedaliere ed universitarie.

    Esperto in sanscrito e nella traduzione di testi classici.

    È autore di diversi libri sull’Ayurveda.

    Leggi tutto...

Fondamenti di medicina ayurvedica

Diagnosi e trattamenti

Autore: Bhagwan Dash
Traduttore: B. Romano
Editore: Edizioni Mediterranee, 2007
Pagine: 308, Brossura   
ISBN: 8827214607
EAN: 9788827214602 

 

Prefazione all'edizione riveduta e ampliata

Dall'incapacità di lasciar perdere,
dall'eccessivo zelo per il nuovo,
e dal disdegno per il vecchio,
dal mettere la conoscenza davanti alla saggezza,
la scienza davanti all'arte, e l'abilità davanti al buon senso,
dal trattare i pazienti come casi
e dal rendere la cura più grave,
della sua sopportazione,
Buon dio, liberaci.

Sir Richard Hutchison (1861-1960)

 

La preghiera profetica di Sir Hutchison, l'illustre autore del rinomato testo Clinical Methods, acquista oggi un significato maggiore rispetto al passato. Dividere il corpo in particelle finissime, penetrare sempre più in profondità delle loro funzioni e trovare rimedi per correggere le loro alterazioni: sono questi gli obiettivi primari della ricerca medica moderna. In questo processo si perde di vista l'individuo nel suo complesso. Una scienza antica come l'Ayurveda rivolta alla salute, protettrice del benessere dell'umanità nel corso di migliaia di anni e depositaria dello scibile umano per ciò che riguarda la salute necessita di uno studio attento; un esame scientifico e un impiego diligente per lo sviluppo del benessere dell'individuo e della società nel suo complesso. 

L'eccessiva dipendenza dai laboratori piuttosto che dall'acume clinico ha creato una barriera nel rapporto tra medico e paziente. Nell'Ayurveda vengono impiegati dei metodi semplici per la diagnosi delle malattie che lo rendono un sistema economico. Inoltre, grazie al fatto di essere accessibile, di facile comprensione, adattabile e affidabile, sia l'élite di scienziati che l'uomo comune nutrono un vivo e sincero interesse di conoscere maggiormente l'Ayurveda. Per un giusto apprezzamento e una corretta applicazione dell'Ayurveda nella cura del benessere quotidiano, la conoscenza dei suoi principi fondamentali è davvero essenziale. Ecco il motivo per cui si presenta all'esimio lettore una nuova edizione di questo lavoro con la revisione dei capitoli, l'aggiunta di nuove informazioni e spiegazioni chiare. 

Ku. Kanchan Gupta, M.A., M. Ed. ha dato un importante contributo alla stesura di questo lavoro, e mia figlia Ku. Pratima Dash ha contribuito alla preparazione della copia per la stampa. Possa Iddio accordare loro buona salute, felicità e prosperità nella vita.

Bhagwan Dash  

 

 

TROVALO IN RETE (leggi l'antemprima su Google Books)>>

 

 

Caraka Samhita: Text With English Translation & Critical Exposition Based on Cakrapani Datta's Ayurveda Dipika (7 Volume Set)

di Ram Karan Sharma, Vaidya Bhagwan Dash
Editore: Chowkhamba Sanskrit Series, 2009 
Pagine: 332 - Lingua: Inglese 

ISBN-13: 978-8170800125
ISBN-10: 8170800129 

È considerato uno dei più antichi, più importanti e autorevoli testi di Āyurveda.
Non si sa se quest’opera rappresenti il lavoro di una "scuola di pensiero" (di studiosi o seguaci di un uomo conosciuto come Caraka), oppure se si tratti di una composizione originale di una sola persona di nome Caraka.

Questo lavoro è a volte considerato una rielaborazione e riduzione di un testo vecchio e più voluminoso, l'Agniveṣa Saṃhitā (che si pensa fosse formato da 46.000 versi), che non è più esistente.
Si pensa che Dṛdhabala, vissuto intorno al 400 dC, abbia compilato molti versetti andati perduti nel tempo (forse fino al 20%) del Cikitsasthāna e di altri capitoli.

La lingua di Caraka è il sanscrito e il suo stile è quello della poesia - con metrica e melodia. Lo stile poetico era in uso come aiuto alla memorizzazione. Ad esempio, Caraka contiene oltre 8.400 versi in metrica, che, anche al giorno d'oggi, i moderni studenti di Āyurveda devono imparare a memoria.

La Caraka Saṃhitā illustra la maggior parte della costruzione teorica dell’Āyurveda e si concentra sulla branca chiamata Kāyacikitsā, che può corrispondere approssimativamente alla moderna medicina interna. Caraka non parla mai dei SubDoṣa di Pitta e Kapha, mentre si sofferma ampiamente su quelli di Vata.

Da un certo punto di vista la Caraka Saṃhitā rappresenta maggiormente il valore della Consapevolezza rispetto ad altre opere. Vi è una maggiore discussione sulla vita come campo d'Intelligenza e Pura Conoscenza. Questo campo è auto-consapevole - esso è contemporaneamente il Conoscitore e l'Oggetto della percezione. E per Caraka questi concetti sono fondamentali per il lavoro del medico.

La versione di Il B. Dash ha il commento di Cakrapani ed il commento dei traduttori incorporato nel testo originale (l’opera è in 7 vol.).

Organizzazione: 120 capitoli

  1. Sutrasthānam — principi fondamentali (30)
  2. Nidānasthānam — diagnosi (8)
  3. Vimānasthānam — caratteristiche specifiche (8)
  4. Śarirasthānam — anatomia (8)
  5. Indriyasthānam — segni di morte (12)
  6. Cikitsāsthānam — trattamenti (30) descrizione di numerose formulazioni numerous, trattamenti Panchakarma
  7. Kalpasthānam - farmaceutica (12)
  8. Siddhisthānam — gestione operativa (12) Panchakarma — tecniche, sostanze, gestione

 

 

TROVALO IN RETE>>

Dictionary of Ayurveda

Autore: Kanjiv Lochan
Editore: Chaukhamba Sanskrit Pratishthan Oriental Publishers & Distributors,IN  
Dicembre 2004 
Pagine 180
Formato: 22.4 x 14.4 x 1.4 cm

ISBN-10: 8186937730
ISBN-13: 978-8186937730

Dalla prefazione (tradotto dall'Inglese)

In Āyurveda, diversi termini denotano connotazioni che sono straordinariamente diverse dai significati per cui sono conosciuti nel generico uso in Sanscrito. Per esempio, non bisogna sorprendersi nel vedere che Dvija in Āyurveda non si riferisce ai "Brahamani nati-due-volte" ma ai "denti" (ovviamente, per nascita i Brahamani sono anche qualificati per l'aggettivo in questione). Il termine Sanyas in Āyurveda non sta per la "rinuncia agli affari del mondo", ma è qualcosa di serio come lo stato di "coma".
Il Bhavana non è qualcosa di simile ai "sentimenti", come è inteso nel Sanscrito comune, ma un processo farmaceutico a cui aderire senza essere sentimentali. L'elenco potrebbe essere davvero lungo.

Oltre a tali complicazioni ci sono numerosi termini di Āyurveda che richiedono chiarimenti e alcune note di definizione. 
Come studente dell'Āyurveda e della sua storia, avevo bisogno, e molto, di un manuale o di un dizionario come questo. Pertanto cercai di individuarne uno.
Però rovistare nella Biblioteca Nazionale di Kolkata, in tutte le principali biblioteche di Delhi, Chennai, Mumbai, Pune e Varanasi come anche nella Fiera del Libro del 2004 di Delhi non servì allo scopo. Pertanto, decisi di raccogliere qualunque scarsa conoscenza e idea sull'Āyurveda che possedevo per prepararmi da solo un tale dizionario. Il risultato è nelle vostre mani.

 

 

In Ayurveda, several terms denote connotations that are strikingly different to the meanings they are known for in general Sanskrit usage. For example, one should not get surprised to see that the Dvija in Ayurveda does not refer to the 'twice-born brahamans' but 'teeth' (of course, by birth they are also qualified for the adjective in question). The term 'Sanyas' is not for the 'renunciation of the worldly affairs' in Ayurveda, but is something serious as the state of ‘coma’.
The ‘Bhavana’ is not something akin to ‘sentiments’ such as it is meant in common Sanskrit, but a pharmaceutical process to be adhered to without getting sentimental about. The list may be a long one indeed.

Besides such complications there are numerous terms of Ayurveda that require clarification as well as some definitional notes.
As a student of Ayurveda and it history, I needed a manual or dictionary as such, and badly. Therefore I tried to locate one. 
However my rummaging through the National Library, Kolkata, all the major libraries at Delhi, Chennai, Mumbai, Pune and Varanasi as well as through the 2004 World Book Fair, Delhi could not serve the purpose. Therefore, I decided to summon whatever scant knowledge and idea about Ayurveda I possessed to prepare such a dictionary myself. The product is in your hands.

 

 

TROVALO IN RETE>>

 

 

La saggezza del cibo - L'Āyurveda e la cucina delle nostre nonne.

Autori: dr Dr.ssa Barbara Bergnach e Valter Ravasi
Editore: Curcu & Genovese Ass.
Anno: 2016 

Pagine 176
ISBN: 8868761173, 9788868761172

Le ricette che troviamo in riviste e siti internet contengono, spesso, cibi non compatibili tra loro per qualità e stagionalità, ma esteticamente accattivanti; anche l'alimentazione, come molte altre cose, è diventata un bell'involucro senza contenuto. Come scegliere, tra tutte le proposte, quella più adatta a noi?

Le nostre antenate avevano elaborato piatti equilibrati e sani semplicemente osservando le qualità dei prodotti che avevano a disposizione e i loro effetti sul corpo. L'Āyurveda ci aiuta a recuperare questa antica saggezza, restituendoci così la capacità di discriminare tra ciò che ci fa bene e ciò che ci fa male.

 

Perché un altro libro di alimentazione?

Viviamo in una società vorace, ci nutriamo esattamente come acquistiamo il nuovo cellulare, la nuova macchina, la nuova televisione, tentando di riempire un vuoto che spesso è una voragine, vuoto affettivo, vuoto di significati.
Facciamo fatica a dare un senso alle cose, viviamo malesseri di cui non capiamo bene l'origine e che curiamo spesso semplicemente reprimendo i sintomi.
Mangiamo come capita, dove capita e con chi capita, il nostro pasto è spesso fatto senza attenzione, leggendo il giornale, guardando la televisione o il cellulare.
Il mantra ripetuto più comunemente è "non ho tempo", il momento dedicato al cibo è in genere incastrato tra una serie di cose molto più importanti, come il lavoro, la palestra, lo shopping e la cura dell'estetica del nostro corpo e della nostra casa.
In questo modo, la casa non è più un posto che accoglie i nostri momenti di riposo e dona intimità e calore, ma un luogo freddo come un museo in cui consumiamo pasti frettolosi e dormiamo sonni agitati, e il nostro corpo una cosa senz'anima, possibilmente "tirato a lucido" all'esterno, come un bel pacco senza contenuto.
La malattia è un'imperfezione che va corretta nel più breve tempo possibile e senza eccessivo dispendio di energie [...]

tratto da: INTRODUZIONE E PREMESSA, pag. 11

 

TROVALO IN RETE>>

 

 

Vedi le ricette della dr.ssa Bergnach e di Valter Ravasi nella nostra rubrica LA RICETTA DEL MESE

Illustrated Suśruta Saṃhitā: Text, English Translation, Notes, Appendeces and Index (In 3 Volumes)

traduzione del Prof. K. R. Srikantha Murthy 
Editore: Chaukhambha Orientalia Varanasi, 2010 
Lingua: Inglese
, pagine 2022
ISBN: 9788176370677

Questo trattato in tre volumi ha la particolarità di essere l'unico testo autentico sull'antica chirurgia indiana e contiene la descrizione di molte imprese chirurgiche condotte dagli antichi chirurghi indiani.
Suśruta, l'autore del libro è un pioniere nella riparazione e ricostruzione di organi mutilati del corpo umano conosciuta oggi come chirurgia plastica. Il suo metodo di riparazione del naso mutilato (rinoplastica) è stato adottato dai chirurghi europei con il nome Il metodo indiano.

Suśruta fu il primo medico ad condurre la dissezione del cadavere e a descrivere l'anatomia dell'essere umano. Fu il primo chirurgo al mondo a insistere nell'addestrare gli studenti alle tecniche chirurgiche usando frutta verdura e parti artificialmente preparate del corpo umano.
Il testo, che gli storici collocano intorno al VI secolo a.C., descrive tutti gli aspetti della chirurgia: misure pre-operatorie, metodo operativo nel dettaglio e cura post-operatoria.

Suśruta Saṃhitā, oltre che della chirurgia si occupa anche di tutte le altre branche dell'Ayurveda, ed è un testo classico di Ayurveda studiato assiduamente sin dai primissimi tempi ai giorni nostri non solo dagli indiani ma anche da medici di molti paesi occidentali. Questa traduzione è del prof. K.R. Srikantha Murthy, che ha un'esperienza di insegnamento e divulgazione sviluppata nell'arco di cinquanta anni. Il testo copre l'intero trattato, in una traduzione in tre volumi.
Ogni volume contiene il testo originale in sanscrito, la traduzione in inglese, note esplicative, immagini e appendici.

È quindi di grande aiuto non solo per gli studenti di Āyurveda, ma anche a tutti coloro che sono interessati a conoscere l'antica saggezza indiana e le sue conquiste .

 

TROVALO IN RETE>>

Vagbhata's Astanga Hrdayam: Text with English translation, notes, appendix, and Indices, 3 Vols.

a cura del Prof. K. R. Srikantha Murthy 
Editore:  Chowkhamba Krishnadas Academy, Varanasi, India, 2007 
Lingua: Inglese
 
ISBN-10: 8121800188
ISBN-13: 9788121800181

L'Aṣṭāngahṛdāya, "la quintessenza delle otto branche (dell'Āyurveda)" è uno dei più importanti trattati dell'antica medicina indiana. Ha attratto l'attenzione dei medici non solo all'interno dell'India ma anche di paesi vicini come l'Arabia, la Persia, il Tibet e la Germania. La sua popolarità è motivata dal gran numero di commentari fatti dagli studiosi indiani e dall'apprezzamento degli studiosi di moltre altre nazioni. Con la sua bellezza e la brevità della composizione poetica, l'organizzazione sequenziale degli argomenti, la descrizione chiara dei precetti e delle pratiche della scienza medica e molti altri meriti, si è guadagnato il suo giusto posto tra i Bṛhat trayī "i tre grandi trattati" dell'Āyurveda. È un'epitome dell'Āyurveda che soddisfa i bisogni degli studenti, degli studiosi e di chi pratica la medicina. 
Introduzione del Vol. 1, quinta edizione, 2001

 

TROVALO IN RETE>>

Un pratico approccio alla scienza ayurvedica

di Acharya Balkrishna
Editore: Bonfirraro Editore
Anno: 2016 

Pagine 462
ISBN: 9788862721417

Questo libro aiuta il lettore a comprendere facilmente la costituzione di base del corpo, i malanni del corpo ed il loro sradicamento. I principi base dell’Ayurveda vengono illustrati, per la prima volta, in maniera vivace. Lo scopo di questo testo è quello di aprire un dialogo con ogni casa e famiglia.

 

 

TROVALO IN RETE>>

CULTURA

Eventi, Conferenze e Seminari per entrare in contatto con la cultura e il sistema di conoscenza indiano

FORMAZIONE

Percorsi educativi e formativi in Ayurveda e discipline collegate con i docenti più autorevoli a livello internazionale

RICERCA

Gli studi clinici e le ricerche più innovative e rivoluzionarie nell’ottica della “Collaborative Medicine and Science”

MEDIA

Cosa dicono di Ayurvedic Point e dell’Ayurveda in Italia e nel Mondo. Articoli, Foto, Video, Audio

SPAZI PER CORSI,
SEMINARI, EVENTI

Ayurvedic Point offre Spazi per Corsi, Seminari, Eventi

Un nuovo spazio per i tuoi eventi a Milano, sale organizzate per corsi settimanali, seminari, conferenze, incontri, stage...