Il presente ed il futuro dell’Āyurveda

Dr. Antonio Morandi

(traduzione dell’articolo apparso su Dhanvantari - Journal of Ayurveda. 2014 Vol.1 n.1: 21-28)

Credo che in ogni cosa ed avvenimento vi sia una precisa ragione e quindi anche in questa occasione della ri-nascita di questo prestigioso giornale, che dopo decenni di silenzio riprende con rinnovato vigore la sua attività. Il nome stesso del giornale, Dhanvantari, ne esprime la forza e la vitalità così come la divinità stessa ispiratrice e protettrice dell’Āyurveda, avatar di Viṣṇu, preserva e mantiene in questo caso la conoscenza della Scienza della vita. Preservare la conoscenza dell’Āyurveda è infatti un elemento di fondamentale importanza in questo momento storico dominato spesso dalla confusione, dalla frammentazione e dall’incertezza. Sicuramente l’Āyurveda non ha bisogno di essere preservata, essa è Dhanvantari, ovvero è la preservazione e la vita stessa, ma la sua conoscenza da parte degli uomini ne ha bisogno, eccome.

SCARICA L'ARTICOLO INTERO

dr.Antonio Morandi - Carmen Tosto
Cibo, sesso e sonno sono le basi dell’esistenza secondo la visione indiana della vita. Solo l’essere umano ha la capacità di apprezzare e vivere profondamente queste tre attività che sono comuni, comunque, a tutti gli esseri viventi. L’Āyurveda ha una visione unica ed originale della sessualità, dovuta alla sua peculiare capacità di osservare l’essere umano in modo globale e nella sua unicità.
Questo vuol dire che, per esempio, le relazioni fra il corpo e la mente non sono frammentate ma sono piuttosto considerate come un’unità inscindibile. Sappiamo bene che il modo di avvicinarsi e vivere il sesso è profondamente diverso fra maschi e femmine. Questa diversità è dovuta ad aspetti fisiologici e psicologici, a cui si aggiungono ovviamente i condizionamenti sociali e morali, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti mentali e psicologici.
Carmen Tosto - dr.Antonio Morandi
Uno dei più recenti trend salutistici in voga negli ultimi tempi è la pratica chiamata Oil pulling”
Ovviamente non è una “nuova” pratica ma deriva dalle antichissime indicazioni mediche descritte dall’Āyurveda ed originate in India 4000 anni fa.
Ciò che viene chiamato oggi “Oil pulling” è in realtà una delle più comuni pratiche indicate dall’Āyurveda nel regime igienico giornaliero (dinācaryā) che vengono eseguite la mattina allo scopo di pulire e purificare il corpo.

a cura di dr.Ernesto Iannaccone

“Ayurveda amritanam”, ossia “l’Ayurveda è (il migliore) fra i fattori d’immortalità”.
Questa breve sentenza di due parole è tratta dalla Charaka Samhita, il trattato più antico ed autorevole sulla medicina ayurvedica. Essa rimarca, amplificandolo, il proposito principe dell’Ayurveda: consentire ad ogni uomo di vivere a lungo ed in salute. Il termine amrita, infatti, oltre che “immortalità” significa anche “nettare”. E qual è il nettare della vita se non la salute? Benessere e longevità sono due concetti inseparabili tra loro. Una vecchiaia che si trascina nelle malattie e nella sofferenza non può costituire il ragionevole obiettivo di una scienza della vita qual è l’Ayurveda.

Altra Medicina Magazine 2014
a cura di Carmen Tosto

L’Āyurveda considera l’essere umano non come un entità isolata, ma come una concentrazione di energia immersa in un campo energetico più vasto, l’ambiente, cui è intimamente collegata. Per preservare la propria salute ciascuno di noi deve imparare a “danzare” a ritmo con la Natura che lo circonda adattandosi ai suoi cambiamenti. 
L’estate come ogni anno, si accompagna a luce, calore, libertà. In estate la Natura indossa i suoi colori più sgargianti, ogni cosa vive e pulsa attraverso il potere ed il calore del sole. La maturazione e l’abbondanza di fiori e frutti si rendono ancora più disponibili nella pienezza che questa stagione ci offre. In sanscrito l’estate viene chiamata Grisma.

Natura e Benessere n.26 – pag. 14/20 (2008)
a cura di: dr.Antonio Morandi, Carmen Tosto

Secondo la Scienza della Vita, l’orologio doshico scandisce il nostro quotidiano. Vivere ogni giorno seguendo le pratiche ayurvediche vuol dire sfruttare al meglio le correlazioni tra l’ambiente ed il nostro organismo. Dal risveglio al riposo notturno, ecco un esaustivo programma per vivere a lungo sani e in armonia.
Il termine Dinacharya indica, per l’Ayurveda, il tempo intercorrente tra l’alba ed il tramonto, il periodo del giorno in cui l’attività deve essere massima sia riguardo la propria attività lavorativa, fisica ed intellettuale, sia volta all’assunzione del cibo ed alla promozione attiva della propria salute, mentre per Ratricharya si intende il tempo dedicato alla notte.
In Ayurveda, infatti, nulla è lasciato al caso; intime e strette correlazioni fanno sì che tutti gli elementi animati ed inanimati siano coinvolti in un continuo gioco di equilibri, là dove tutto influenza tutto. Le interazioni sono sempre reciproche e si trasmettono in sequenze infinite. Ogni nostra minima azione, così come il più piccolo segnale dell’intero organismo, si ripercuote nell’ambiente propagandone gli effetti.

Natura e Benessere n.24 – pag. 57/60 (2007)
a cura di: dr.Antonio Morandi, Carmen Tosto

“Il corpo intero è fatto di sostanze untuose e tutta la vita dipende da esse”
(-Sushruta Samhita, Cikitsa Sthana.XXXI-)

In India viene da sempre fatto un abbondante uso di sostanze oleose in varie forme e modalità, dagli usi personali e domestici, agli impieghi più sacri nei templi. Non c’è donna indiana che non usi fragrante olio di cocco sulla testa ma, oltre all’innegabile effetto estetico di ottenere splendidi capelli luminosi, l’oleazione quotidiana della testa ha altre importanti applicazioni.
In Ayurveda l’oleazione di corpo e testa è prevista nella routine igienica quotidiana (chiamata Dinacharya) e, nel testo classico ayurvedico Caraka Samhita, viene detto:
“Se una persona pratica regolarmente il massaggio d’olio, il suo corpo non risente di ingiurie o del lavoro più duro. La sua struttura fisica diventa forte, flessibile ed attraente. Mediante questa pratica il processo dell’invecchiamento è rallentato” (C.S. Su.V, 88-89).

L'Ayurveda è la medicina tradizionale indiana ed esprime una conoscenza millenaria la cui saggezza si rivela straordinariamente profonda e moderna, essa considera l’individuo come il risultato delle interazioni e relazioni interne e esterne e quindi come un flusso continuo di eventi.
La vita viene vista nella sua totalità e tutti gli eventi compresi quindi il concepimento, la gestazione e la nascita, vengono raccolti sotto l’ombrello di competenza della Pediatria, (una delle otto branche dell’Ayurveda) ritenuta la vera custode della salute della procreazione in cui vengono comprese anche l’ostetricia e la ginecologia.

AYURVEDA

L'Āyurveda è la Medicina Tradizionale Indiana che si occupa del ripristino e del mantenimento dell’equilibrio psico-fisico

I TRATTAMENTI

I trattamenti ayurvedici sono diversamente articolati, considerano la costituzione individuale (Prakriti) e lo stato di equilibrio dei Dosha.

I MATERIALI

Le sostanze utilizzate nei trattamenti sono varie ma essenzialmente a base di oli ayurvedici erbalizzati e polveri medicate.

CORPO E MENTE

L’Āyurveda considera la mente come parte integrante ed inscindibile dell’essere vivente.

SPAZI PER CORSI,
SEMINARI, EVENTI

Ayurvedic Point offre Spazi per Corsi, Seminari, Eventi

Un nuovo spazio per i tuoi eventi a Milano, sale organizzate per corsi settimanali, seminari, conferenze, incontri, stage...